Isolamento acustico

La normativa tecnica in vigore, regolamenta sia i requisiti acustici attivi (sorgenti sonore all’interno di un edificio) che i requisiti acustici passivi (resistenza intrinseca dell'edificio alla trasmissione della rumorosità) di un edificio al fine di ridurre l’esposizione al rumore delle persone. In pratica, vengono analizzate in fase preventiva le caratteristiche acustiche delle strutture, dei manufatti e degli impianti, al fine di rispettare i requisiti di legge garantendo il comfort acustico.

Per raggiungere un ottimo risultato, si dovrà agire contemporaneamente su tutti gli elementi critici quali le superfici esterne, i divisori tra unità abitative diverse, i solai, i serramenti e gli impianti. È importante infatti proteggere sia dai rumori provenienti dall’esterno che ridurre la trasmissione dei rumori tra ambienti interni. Soprattutto tra gli ambienti di unità abitative diverse. Ogni fonte di rumore richiede un approccio serio e dettagliato dato da una corretta progettazione e da una esecuzione puntigliosa per non compromettere il risultato.

PARETI ESTERNE.
Le pareti di facciata devono garantire che i rumori esterni non entrino all’interno della casa. Quindi bisogna scegliere con attenzione i materiali isolanti sia per il cappotto che per l’intercapedine interna. E’ importante anche che la controparete sia distanziata dal muro portante e scollegata con appositi antivibranti.

PARETI DIVISORIE.
Per l’ottenimento dei requisiti acustici passivi tra diverse unità immobiliari, vengono realizzati dei pacchetti acustici certificati utilizzando materiali di densità diversa (massa) in modo di creare l’effetto “molla” che è necessario per arrivare ai valori previsti.

SOLAI.
I rumori che si propagano dai solai sono di due tipi: quello impattivo (rumore da calpestìo) e quello aereo (voci, radio, TV, e così via). Le tecnologie utilizzate per riuscire ad avere un buon grado di isolamento acustico, sono sempre finalizzate alla realizzazione di un “pavimento galleggiante”. I materiali anelastici ridurranno la trasmissione dei rumori impattivi, mentre quelli pesanti limiteranno la trasmissione della rumorosità aerea.

SERRAMENTI ESTERNI.
Nella verifica dell’isolamento acustico di facciata viene tenuto in debito conto anche delle proprietà acustiche dei serramenti.

IMPIANTI MECCANICI.
Uno dei parametri decisivi per la scelta delle componenti dell’impianto idraulico (pompa di calore, impianto di raffrescamento, ventilazione meccanica controllata, ecc.) è dato dal valore di emissione sonora dichiarato dalla casa produttrice. Anche la rete idraulica, gli impianti sanitari e gli scarichi dei bagni dovranno essere oggetto di particolare attenzione sia progettuale che di posa in opera.

Importantissimo è agire direttamente sulla fonte del rumore: sia posizionando le apparecchiature in locali separati, sia scegliendo macchine silenziose (pompa di calore, impianto di raffrescamento, ventilazione meccanica controllata e così via), nonché isolando la rete idraulica, gli impianti sanitari e gli scarichi dei bagni. In conclusione, l’attenzione rivolta alla corretta installazione che i tecnici di Casa Natura pongono in ogni cantiere, assicura il raggiungimento delle prestazioni acustiche richieste dalla Normativa vigente.